Margherita Dolcevita

novembre 3, 2005

Ho aspettato un po’ prima di scrivere due righe su questo bel libro, l’ultimo di Stefano Benni. Volevo che il libro, insomma, sedimentasse.
Leggo Benni da quando avevo sedici anni: l’ho sempre conosciuto come scrittore positivo, solare, capace di dipingere mondi fantastici e surreali, dove incontravi personaggi benevoli e i cattivi non erano mai troppo cattivi.
Margherita Dolcevita è invece amaro, stemperato solo a tratti dall’ironia fantastica alla quale lo scrittore bolognese ci aveva abituato.
La trama è semplice: Margherita è una ragazzina di quattordici anni e mezzo che vive felice nella sua assurda famiglia. Famiglia che non è alla Mulino Bianco, per intenderci, ma perlomeno lontana dalla normalità (questa volta davvero assurda) della contemporaneità.
A portare “l’ordine” nel suo mondo arrivano i nuovi vicini di casa: ricchi, perfetti, sempre alla moda, nel giro di tre capitoli cambieranno radicalmente volto alla famiglia anormale di Margherita. Inutile dire che nell’ordine dei vicini di casa c’è l’eco di questi tempi stupidi.
Margherita proverà a cambiare qualcosa, ad opporsi…
Interpreto questo cambio nello stile di Benni come un infausto presagio: forse non c’è davvero più nulla da fare contro la stupidità, forse dobbiamo rassegnarci ad un pessisimo al quale lo stesso scrittore ottimista di una volta sembra aver chinato il capo.
O forse ho letto male, forse ho frainteso il senso del libro, forse uno spiraglio Benni lo lascia.
Speriamo filtri qualcosa.

Annunci

4 Risposte to “Margherita Dolcevita”

  1. aurora Says:

    ciao urza…eccomi finalmente approdata dalle tue parti.
    la grafica non mi dispiace affatto…per i contenuti dovrai aspettare…ora sono molto di fretta…al più presto sarai linkato al mio blog agonizzante…:)

  2. Pas Says:

    Lo leggo. E ne riparliamo.

  3. urza Says:

    Ok, non ho fretta… E’ un libro che sto prestando/consigliando a tutti…

  4. andrea Says:

    questo libro è semplicemente fantastico. in un giorno me lo sono letto tutto.è ricco di ironia. il finale è un po’ corto e difficile da intendere. nel contesto è un libro meraviglioso. LEGGETELOOooooo


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: