Fast-listening

gennaio 4, 2006

Ogni volta che vedo i vinili di mio padre accatastati in un angolo, ormai silenziosi nonostante l’acquisto, qualche anno fa, di un fiammante giradischi, mi viene spontaneo confrontarli con le migliaia di mp3, anch’essi in buona parte silenziosi, che giacciono, anch’essi accatastati, nei cluster del mio hard disk. Qualche volta li faccio suonare quei dischi: li tolgo dalle loro copertine ingiallite, ancora incartati nella velina, sfioro con le dita l’etichetta dorata del negozio di dischi ‘Maschio’, oggi trasformato in megastore di abiti femminili. E vedo mio padre intento a sceglierli al negozio; più tardi, il disco che gira, il salotto pieno di amici che vengono ad ascoltare e a commentare l’ultimo acquisto. Quando lessi su un libro di biologia delle superiori che il primate, da poco scoperto da una spedizione di antropologi, era stato chiamato Lucy in onore della canzone dei Beatles “Lucy in the sky with diamonds”, non mi stupii tanto per l’originale accostamento ma piuttosto perché quella canzone era stata ascoltata tutta la notte, sempre la stessa, al campo base della spedizione. Un’intera serata, una volta, poteva girare attorno all’ascolto di una canzone, o al massimo di due, dato che il 45 giri conteneva una sola canzone per lato: il singolo e la b.side. Nell’era dello scaricamento selvaggio nulla rimane più dell’atavico piacere del risentire: un solo ascolto e poi, via, avanti veloce, verso la prossima canzone, anch’essa usa e getta. Non sono assolutamente un vecchio trombone ostile al peer2peer o ai cd copiati, tutt’altro. Credo invece che la possibilità virtuale di avere qualsiasi canzone sul desktop del proprio computer sia una grande conquista, anche, permettetemelo, democratica. Ma probabilmente sono un inguaribile nostalgico del 33 giri (o del 45 giri o addirittura del 72). O forse vorrei soltanto un approccio meno ‘fast’ all’ascoltare musica: uno slow-listening contrapposto al fast-listening. Chè, ricordiamocelo, le canzonette alla Cesare Cremonini o alla Violante Placido ci sono sempre state: si chiamavano Antoine e Gianni Morandi. Ma cantavano più lento. E si facevano riascoltare.

Annunci

3 Risposte to “Fast-listening”

  1. arlan\ Says:

    ciao caro, ma Violante Placido chi cazzo e’?
    hai il link sbagliato al mio blog, l’indirizzo vero e’:
    http://blog.oziosi.org/arlan.php 🙂

    saluti 🙂

  2. arlan\ Says:

    dimenticavo, e’ fico come hai modificato wordpress!

  3. urza Says:

    ehhehe… niente meno che la figlia di placido! adesso si è messa pure a cantare! correggo il link al tuo blog!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: